OASI – Una cucina sotto i rami

Partendo dal classico schema della cucina a isola, OASI, studiata da Stefano Boeri Architetti, definisce un essenziale blocco tavolo da pranzo-piano cottura che integra al proprio interno le proprietà di un tradizionale luogo conviviale come la tipica cucina italiana. La cellula freestanding a impianto quadrato che ne scaturisce è così sviluppata come un articolato dispositivo tecnologico multi-funzione a supporto di tutte le fasi di trattamento dei cibi - conservazione, lavaggio, preparazione, cottura, servizio, consumo, riciclo - secondo un processo che declina il principio della circolarità. La presenza dell’albero è un riferimento di tipo spaziale, mnemonico e simbolico attorno a cui può riunirsi la rete delle relazioni familiari e conviviali: rete sempre più complessa e variabile, capace di mutare secondo le molteplici traiettorie di vita di quanti vi prendono parte. L’albero, il tavolo e il piano di cottura sono percepibili come un unico oggetto catalizzatore, attorno al quale rievocare o immaginare storie, aneddoti, memorie condivise o segreti culinari.